Home CRONACA Covid: a Cessaniti chiude tutto, aperti con orari ridotti solo i negozi di generi alimentari

Covid: a Cessaniti chiude tutto, aperti con orari ridotti solo i negozi di generi alimentari

di Red02
48 visualizzazioni

Tramite un ordinanza, divulgata poi su Facebook il sindaco di Cessaniti, Francesco Mazzeo ha disposto la chiusura:

  •  dei Cimiteri
  • la sospensione di tutte le Funzioni Religiose (inclusi i funerali e le Sante Messe)
  • la chiusura anticipata alle ore 18 degli esercizi di generi alimentari e di generi di prima necessità
  •  la chiusura degli esercizi commerciali e di servizi, (Bar, Pasticceria, Fiorai, ecc…) anche da asporto
  • la limitazione di ogni forma di attività motoria, anche all’aperto ed anche in forma individuale.

Attualmente i positivi nel comune sono 13 ma 10/15 soggetti sono risultati positivi al test antigenico( si deve attendere la conferma dai test molecolari) ma il sindaco, al fine di contenere la diffusione dei contagi, soprattutto in ambito familiare, ai nostri microfoni dice: “Siamo usciti indenni dal primo grande lockdown, registrando un solo caso. Ora la situazione preoccupa un pò di più, ecco perché ho adottato, in sinergia con il vescovato, la protezione civili, i commercianti, queste misure più stringenti”.  Abbiamo ben chiara la situazione – dice Mazzeo – ma l’attenzione deve restare alta.  L’Ordinanza, sarà valida su tutto il territorio comunale, dal 18/11/2020 al 28/11/2020. 

Un vero e proprio lavoro di squadra. Con l’aiuto di tutti “ne usciremo più forti di prima”.  L’aiuto arriva anche dalla Chiesa con la proposta di Don Felice Palamara, che ha messo a disposizione la “Casa della Carità – La Piccola Betlemme” “per ospitare – spiega il primo cittadino – eventuali cittadini affetti dal virus, in modo da contenere il contagio all’interno delle famiglie e di conseguenza in tutta la comunità”.

“Non ci faremo trovare impreparati, visto le carenti condizioni della sanità vibonese. Agiamo con il lockdown totale, eccetto le farmacie “quelle non si toccano” e le attività alimentari fino alle 18. Prevenire è meglio che curare.   Soprattutto – ha sottolineato il sindaco -nessuno sarà lasciato solo, dobbiamo stare vicino ai nostri, concittadini e amici malati”.

“Invito la popolazione – conclude Mazzeo – a rispettare le regole, non è il momento delle critiche. Bisogna sacrificarsi per il bene comune. Ne usciremo più forti di prima.”

Potrebbe piacerti anche