Home ATTUALITA' Covid: ritardi in risultati tampone, 40enne rischia lavoro

Covid: ritardi in risultati tampone, 40enne rischia lavoro

di Anna Franchino
387 visualizzazioni

Il ritardo nelle attività di processazione dei tamponi rischia di far perdere il lavoro ad un 40enne, Antonio Sesto, di Vibo Valentia Marina. Lo scorso weekend ha ricevuto la chiamata dalla multinazionale per la quale è a disposizione, per recarsi a lavorare in Iraq ma è impossibilitato a partire perché per poterlo fare serve l’esito negativo del tampone molecolare che solo le autorità sanitarie possono rilasciare. L’interessato ha però solo 72 ore di tempo per rispondere alla chiamata della società; entro quel termine deve già trovarsi a destinazione. L’uomo si è sottoposto a tampone lunedì scorso. Nel frattempo è partito alla volta di Roma per imbarcarsi con Fly Emirates avendo con sé gli esiti degli accertamenti svolti in studi privati che, però, non hanno valore. Ed infatti è stato fermato dalla compagnia aerea e costretto a tornare indietro non essendo arrivato il risultato del laboratorio pubblico. Sesto ha ancora una possibilità ma è necessario che riceva l’esito di un nuovo tampone entro 72 ore o rischierà di restare senza impiego. Pertanto si è affidato all’avvocato Marianna Zampogna per sollecitare le autorità sanitarie che però fino a ieri sera non hanno dato risposta. Una corsa contro il tempo, dunque per il 40enne di Vibo Marina. “Una situazione che fa davvero rabbia – commenta l’interessato – perché non dipende da me. Non so davvero più come fare, sta di fatto che questa situazione finisce col danneggiare me e la mia famiglia perché mi si sta negando un diritto, anzi due: quello di essere informato e quello di poter lavorare e sostenere la mia famiglia. Dopo 10 mesi di fermo ne ho assoluta necessità. Mi sono rivolto all’Asp per il primo tampone e mi hanno messo in lista. Ho fatto presente la mia esigenza e ho allegato alla comunicazione anche il biglietto aereo prenotato dalla società per la quale lavoro. Tutto inutile. Nessuna risposta. Sto ancora attendendo il responso. La società mi ha dato un’altra possibilità da sfruttare nei prossimi giorni, in caso contrario chiamerà qualcun altro”.

Potrebbe piacerti anche