Home breaking-news Covid19, il bollettino regionale del 16 aprile

Covid19, il bollettino regionale del 16 aprile

di Gianluca Pasqua
1099 visualizzazioni

In Calabria ad oggi sono stati effettuati 19.209 tamponi.Le persone risultate positive al Coronavirus sono 1.009 (+38 rispetto a ieri), quelle negative sono 18.200.

Dei soggetti positivi rilevati in data odierna, 36 appartengono al focolaio di Torano Castello (CS) e si aggiungono ai 22 notificati il giorno 14 aprile. Sono in corso di verifica ulteriori tamponi nel RSA di Torano. ��

Territorialmente, i casi positivi sono così distribuiti:

🔺 Catanzaro: 60 in reparto; 2 in rianimazione; 89 in isolamento domiciliare; 27 guariti; 25 deceduti
🔺 Cosenza: 47 in reparto; 3 in rianimazione; 264 in isolamento domiciliare; 20 guariti; 21 deceduti
🔺 Reggio Calabria: 30 in reparto; 4 in rianimazione; 192 in isolamento domiciliare; 28 guariti; 15 deceduti
🔺 Vibo Valentia: 5 in reparto; 52 in isolamento domiciliare; 8 guarito; 5 deceduti
🔺 Crotone: 15 in reparto; 84 in isolamento domiciliare; 7 guariti; 6 deceduti.

Nel bollettino di ieri sono stati inseriti otto positivi relativi all’ASP di Reggio Calabria, ma si trattava di casi già noti (secondo e terzo tampone), per cui nella stesura del report odierno è stata rettificato il dato.

È in corso un’ulteriore verifica ottenuta incrociando i dati provenienti dal Laboratorio, dal Dipartimento di Prevenzione e dai Reparti di Cura, in maniera da appurare eventuali, seppur minime, discrepanze.

Le persone decedute vengono indicate nella provincia di provenienza e non in quella in cui è avvenuto il decesso.

I soggetti in quarantena volontaria sono 7232, così distribuiti:
– Cosenza: 1560
– Crotone: 1478
– Catanzaro: 1677
– Vibo Valentia: 470
– Reggio Calabria: 2047

Le persone giunte in Calabria che ad oggi si sono registrate al sito della Regione Calabria sono 14.902.

Nel conteggio sono compresi anche i due pazienti di Bergamo trasferiti a Catanzaro, mentre non sono compresi i numeri del contagio pervenuti dopo la comunicazione dei dati alla Protezione Civile Nazionale.

Potrebbe piacerti anche