Home breaking-news Decreto sanità, sì allo sblocco del turn over

Decreto sanità, sì allo sblocco del turn over

di Gianluca Pasqua
487 visualizzazioni


“Per superare la grave carenza di personale nelle aziende sanitarie, abbiamo approvato un emendamento che rimuove il blocco del turnover per tutte le Regioni in piano di rientro”. Così la deputata Dalila Nesci che spiega: “in particolare, si interviene sulla disposizione che attualmente prevede il blocco delle assunzioni di personale per quelle Regioni in piano di rientro che non abbiano rispettato le misure indicate nel Piano medesimo”.
“In questo modo, tutte le Regioni già penalizzate da limiti di spesa rilevanti possono comunque garantire i livelli essenziali di assistenza. Eliminiamo una sanzione ingiusta, andando incontro al personale sanitario e a tutti i cittadini, che hanno diritto a una sanità pubblica migliore e a servizi adeguati”.
Via libera dunque allo sblocco del turn over per nuove assunzioni anche nella sanità calabrese. Respinti invece gli emendamenti delle opposizioni sui compensi dei commissari che sono adeguati – ha risposto la maggioranza – agli standard nazionali.
 “Alla Camera ci siamo battuti per la bocciatura del “decreto sanità” che il Governo nazionale ha emanato per estendere i poteri straordinari e sostitutivi della gestione commissariale del servizio sanitario calabrese. Una cura che aggrava la malattia della sanità calabrese determinata da 10 anni di commissariamento.” così la deputata dem Enza Bruno Bossio ci siamo battuti fortemente innanzitutto per sopprimere il comma che prevedeva il blocco del turn over generalizzato. È di notevole importanza il fatto che almeno su questo punto come forze di opposizione parlamentare abbiamo ottenuto il via libera dello sblocco del turnover per le regioni in piano di rientro al fine di garantire gli standards di sicurezza delle prestazioni sanitarie e la erogazione dei livelli essenziali di assistenza.”” “Naturalmente il risultato positivo” -conclude-“su questa problematica non ci  fa cambiare idea su questo decreto monstre. Continueremo, pertanto, a svolgere la nostra opposizione in ogni sede istituzionale preposta.”

Potrebbe piacerti anche