Home Primo Piano I precari della sanità alla Grillo: intervenga

I precari della sanità alla Grillo: intervenga

di Anna Franchino
634 visualizzazioni


Pronti allo sciopero della fame. Così 835 lavoratori in Calabria mandano un messaggio forte al ministro Giulia Grillo se non interverrà con un decreto urgente che sospenda i concorsi per primari e dirigenti amministrativi per l’anno 2019 e imponga la stabilizzazione di quanti hanno i titoli secondo il Dpcm del 6 marzo 2015 . “La vergogna della sanità calabrese – scrivono i precari – è sotto gli occhi di tutti. Personale del comparto, infermieri ed os, oltre che tecnici di laboratorio, attendono inutilmente la stabilizzazione da 4 anni. Solo il 23 % del personale avente i requisiti è stato stabilizzato, laddove le piante organiche presentano un vuoto non indifferente e c’è assoluta capienza per ognuno di noi. Dall’anno del blocco del turnover, ad oggi ,- fanno sapere ancora – e considerando anche gli effetti di quota 100, la sanità calabrese ha perso circa 4.000 dipendenti, come saldo tra quiescenze e personale assunto. C’è necessità di medici, infermieri, tecnici di laboratorio, non dei 27 primari nominati, ad esempio, in soli otto mesi , da un’azienda ospedaliera. A ridosso delle elezioni regionali di fine novembre si sta per consumare un altro vulnus incredibile che il ministro Grillo deve fermare ad ogni costo”.

Potrebbe piacerti anche