Home breaking-news In 3.000 al Pride di Reggio Calabria

In 3.000 al Pride di Reggio Calabria

da Gianluca Pasqua
21 visite

In tremila hanno partecipato al corteo organizzato dall’Arcigay reggina, caratterizzato da musica, allegria e slogan festosi. “La retromarcia sui diritti non partirà”, hanno scandito i manifestanti.  “Nel Paese – ha detto Luciano Lopopolo, leader nazionale di Arcigay, presente alla manifestazione – si sta diffondendo una nuova cultura che dimostra sempre più lo scarto tra Paese reale e Paese legale, con il primo ben consapevole dei cambiamenti in corso. A Reggio Calabria hanno sfilato giovani e meno giovani eterosessuali, gay, lesbiche e trans. I tempi sono maturi perché venga approvata una legge contro l’omofobia e la transfobia. E serve anche il riconoscimento del matrimonio egualitario e dei diritti delle persone trans, con la consapevolezza di quanto possono essere insidiosi i percorsi delle persone Lgbt a scuola o nel mondo del lavoro. La politica se ne renda conto. I nostri temi non siano derubricati né a identitari, né a divisivi”. In testa al corteo i sindaci facenti funzione della Città metropolitana e del Comune, Carmelo Versace e Paolo Brunetti.  “Occorre – ha detto Versace – una sinergia istituzionale per risolvere le problematiche che riguardano la comunità Lgbt. La politica non può continuare a speculare su questi temi. La campagna elettorale che ci accingiamo a vivere impone scelte immediate”. Secondo Brunetti, “quella che si é vissuta a Reggio Calabria è stata una giornata di festa, ma anche un momento di riflessione. C’è ancora molto da fare su questi temi, a livello sia sociale che istituzionale. Reggio ha dimostrato oggi di essere presente e inclusiva ed a favore della tutela e del riconoscimento di tutti i diritti”.

 

Potrebbe piacerti anche