Home il punto Ma quale allegria.

Ma quale allegria.

di Rosalba Baldino
422 visualizzazioni


Non c’è da stare allegri. La Calabria sembra essere l’unica regione del Paese a non far registrare passi in avanti. Qui, il tempo sembra essersi fermato. I problemi sono sempre gli stessi, e nonostante le promesse dei governi che si sono succeduti, non è accaduto nulla di significativo. La politica continua ad essere immobile, avvinghiata alle vecchie pratiche e prigioniera dei vecchi vizi.Le idee e i progetti che hanno animato il dibattito politico nella stagione della campagna elettorale, sono finiti nel dimenticatoio. Lo scatto in avanti promesso è rimasto confinato tra le pagine dei “faremo”, così come la speranza dei calabresi di vedere la luce in fondo al tunnel delle emergenze. Sotto il sole c’è poco o nulla e, quel poco che c’è, non trova occasioni per palesarsi, talmente è piccolo e insignificante. Sui grandi temi,poi, solo una montagna inutile di chiacchiere in libertà, se è vero, come traspare dalle cicliche indagini delle società di ricerca, che questa terra è un insieme di occasioni mancate e di aspettative deluse. Insomma, mentre altrove la ripresa economica è, ormai, una certezza, in Calabria resta una pia illusione.

Attilio Sabato

Potrebbe piacerti anche