Home breaking-news ‘Ndrangheta: Cuorgné rifiuta villa confiscata, mancano soldi

‘Ndrangheta: Cuorgné rifiuta villa confiscata, mancano soldi

di Anna Franchino
31 visualizzazioni

La villa e gli appartamenti di via Salgari, a Cuorgnè, confiscati alla ‘ndrangheta nel 2018 non passeranno al Comune. Lo ha deciso il Consiglio comunale della città negando la disponibilità dell’amministrazione a farsi carico di quegli immobili, come richiesto dalla prefettura e dall’Agenzia nazionale che si occupa dei beni confiscati. “Quegli immobili necessitano di interventi ingenti e le attuali casse del Comune non ci permettono un investimento simile”, ha spiegato il sindaco Giovanna Cresto. Il presidio locale di Libera aveva chiesto al Comune di dare la propria disponibilità ad acquisire al patrimonio quelle abitazioni un tempo di proprietà di Giovanni Iaria, ex assessore deceduto nel 2013, condannato in primo grado ad oltre sette anni nell’ambito dell’inchiesta Minotauro per le infiltrazioni della ‘Ndrangheta in Piemonte.

Potrebbe piacerti anche