Home ATTUALITA' Paola, le sonorità dell’Hosteria di Giò nella casa circondariale

Paola, le sonorità dell’Hosteria di Giò nella casa circondariale

di Rosalba Baldino
167 visualizzazioni

 

Il ritmo della musica popolare calabrese all’interno del carcere di Paola. Il concerto evento per i detenuti della nota band Hosteria di Giò, associazione che ha fatto delle sonorità di questa terra il proprio brand. Nella casa circondariale della città del Tirreno è approdata una delegazione di  musicisti formata da Stefano Raimondo, Daniele Scrivano, Mario Maccarrone ed Emanuele Grispino . La ricerca nella scelta e nell’esecuzione dei brani ha decretato il successo della performace, concerto a cui hanno preso parte i detenuti, gli agenti della polizia penitenziaria, la direttrice  Emilia Boccagna, la presidente dell’ALT Anna Maria Rende e i soci dell’associazione: Maria Giovanna Tarantino, Gerardo Rende, Giuseppe Parise.

Dopo due anni di stop  a causa  della pandemia,  l’Associazione Hosteria di Giò  torna a fare parlare di sé in un settembre che ha visto protagonista la band a cominciare  dalla partecipazione  al Reading  Festival della  lettura di Casali del Manco  in cui pezzi fortemente ancorati alle pagine dei libri  presentati,  hanno creato atmosfera e suggestione nella particolare cornice del Chiostro di San Francesco di Paola, in località Pedace. L’ Hosteria  si è inoltre esibita  nel contesto del  Festival “Kalabria suoni e sapori del mondo ” prima edizione svoltosi a Reggio Calabria il 04 settembre aprendo il concerto di Mimmo Cavallaro. “Una  serata piena di emozioni – si legge in una nota- con un pubblico accogliente che, pur limitato dalle restrizioni covid, ha fatto comunque sentire il suo calore e la voglia di ritornare alla normalità. “L’Hosteria   – si ricorda infine- è impegnata  da mesi con le Ferrovie della Calabria per l’animazione  musicale  sul Treno della Sila, attività molto apprezzata da turisti e visitatori “

Potrebbe piacerti anche