Home POLITICA Sindaco Pugliese presenta nuova Giunta Crotone

Sindaco Pugliese presenta nuova Giunta Crotone

di Anna Franchino
449 visualizzazioni


Il sindaco di Crotone Ugo Pugliese, dopo aver azzerato la Giunta comunale il 5 luglio scorso, ha presentato questa mattina la nuova squadra. L’amministrazione da lui guidata – espressione de “la Prossima Crotone”, una coalizione di liste civiche e movimenti che fanno capo alla consigliera regionale di Calabria in Rete Flora Sculco e al padre Enzo Sculco – si è insediata nel 2016 e i nuovi assessori rimarranno in carica, quindi, altri due anni. La Giunta è frutto di un rimpasto dal momento che tre dei complessivi otto assessori facevano parte già del precedente esecutivo. Si tratta di Benedetto Proto, con deleghe al Bilancio, personale, società partecipate e avvocatura; Giuseppe Frisenda (Turismo, sport, spettacolo, tempo libero) e Valentina Galdieri (Cultura e beni culturali, pubblica istruzione, economia del mare, sviluppo relazioni e gemellaggi). Gli altri cinque nuovi componenti della Giunta comunale sono Nino Crugliano (Urbanistica, pianificazione territoriale, programmi complessi, innovazione tecnologica, arredo e decoro urbano, viabilità e impiantistica sportiva); Giuseppina Felice (Lavori pubblici, patrimonio, demanio, energia e risparmio energetico); Pisano Pagliaroli (Quartieri, verde pubblico e trasporti); Ines Mercurio (Politiche sociali, servizi sociali, politiche del lavoro e politiche giovanili) e Renato Carcea (Attività produttive, fiere e mercati, servizi demografici). La delega di vice sindaco è rimasta a Benedetto Proto, mentre il sindaco ha mantenuto quelle all’Ambiente e alla protezione civile. “Ne ‘La prossima Crotone’ è ritornata l’armonia – ha detto ai giornalisti Pugliese – e ringrazio i miei consiglieri per il supporto che mi hanno dato in questo periodo. È stato difficile ma ce l’abbiamo fatta. Si tratta di una serie di nomi valutati per individuare alcuni requisiti che ci eravamo imposti. Era necessario che all’interno della coalizione si creasse un nuovo sviluppo e questo non poteva non passare attraverso questa operazione. Nel momento in cui i miei consiglieri mi hanno esternato la voglia di rinnovare e di andare avanti, di rilanciare, di non tornare indietro e di non fermarsi, allora ho pensato che era il caso di ripartire. E andiamo avanti, lo dico a chi dice che non abbiamo i numeri. Andremo avanti, se c’è bisogno anche in seconda convocazione. Noi non ci fermiamo, sia chiaro per tutti. L’ho già detto e lo ribadisco che il progetto è quello di portare a termine tutto quello che abbiamo iniziato”.

Potrebbe piacerti anche