Home Eventi Teatro Rossosimona, al Palacultura nuove repliche di “Iqbal” e “Zampalesta”

Teatro Rossosimona, al Palacultura nuove repliche di “Iqbal” e “Zampalesta”

di Anna Franchino
12 visualizzazioni

Nuove date si aggiungono al cartellone della compagnia Teatro Rossosimona diretta da Lindo Nudo nell’ambito della proficua collaborazione con Palacultura Lab e con Creativa di Andrea Solano. Il giardino del Palacultura di Rende, dove di recente si sono svolte le rappresentazioni di “’U Principìcchiu”, “Al posto sbagliato” e “Ars longa vita brevis”,  ospiterà, mercoledì 22 settembre alle 21, una nuova replica di “Iqbal – Un’altra storia piccina”. La pièce, scritta e diretta da Luigi Marino, in scena con Noemi Caruso e Arianna Luci, trae spunto dalla vicenda drammatica del piccolo Iqbal Masih, venduto a 4 anni dal padre ad un fabbricante di tappeti per pagare un debito familiare. Prosa, danza e musica si intrecciano per raccontare una vita di stenti e soprusi attraverso lo sguardo di un bambino, con le coreografie di Noemi Caruso e la colonna sonora dal vivo a cura di Luigi Marino e Arianna Luci. Domenica 26 settembre, sempre alle 21, sarà invece la volta di “Zampalesta, ‘u cane tempesta”, spettacolo di burattini tradizionali calabresi vincitore del premio Otello Sarzi 2014. La storia, le scene e i burattini sono opera di Angelo Gallo, allievo del burattinaio napoletano Gaspare Nasuto, che prova, attraverso la sua arte, a far entrare la Calabria nella mappa internazionale delle regioni di tradizione dei burattini fatti a mano, intagliati nel legno dallo stesso manovratore. Nella trama Zampalesta è un cane lupo ridotto in catene dal suo padrone che scappa e semina il panico in tutta la comunità in un susseguirsi di vicende divertenti fino al colpo di scena finale. Uno spettacolo di teatro di figura adatto ad un pubblico di tutte le età. È necessaria la prenotazione al 392.3946821. Nell’osservanza della normativa vigente anti Covid-19 è obbligatorio esibire il Green Pass. Teatro Rossosimona è compagnia riconosciuta dal Ministero per i Beni e le Attività Culturali come Impresa di produzione di teatro di innovazione nell’ambito della sperimentazione dal 2003 e nel 2004 ha ottenuto il riconoscimento della Regione Calabria come compagnia professionale (L.R. n. 19/2017).

Potrebbe piacerti anche