Home POLITICA Terme Luigiane, Salerno (IdM), “ascoltate grido operatori turistici e dei lavoratori”

Terme Luigiane, Salerno (IdM), “ascoltate grido operatori turistici e dei lavoratori”

da Anna Franchino
19 visite

“La notizia del possibile acquisto del pacchetto di controllo della società che gestisce le Terme Luigiane da parte della Regione Calabria non ha certo placato gli animi e rassicurato i più. – Lo scrive in un comunicato  Franco Salerno Commissario cittadino Acquappesa – Guardia Piemontese IdM –  La situazione di stallo che ha compromesso l’attività del complesso termale nella stagione passata, a cui ha fatto seguito il totale abbandono dell’area e quel rimbalzarsi continuo di accuse tra i comuni e la società appaltante, tra proclami e bandi fantasma, ancora la fanno da padrona. Pasqua è arrivata e con essa anche quella che per molti operatori è l’inizio della nuova stagione estiva. E proprio da loro arriva il grido di allarme più forte. Come Italia del Meridione, abbiamo più volte attenzione la questione, chiedendo una risoluzione definitiva di quella che ormai può essere definita una brutta pagina della politica locale e regionale. Nei giorni scorsi, in qualità di commissario cittadino di IdM, mi sono recato presso alcune strutture ricettive che fanno parte del complesso termale e situate nel comprensorio, è tutti lamentano la totale assenza d’informazione e di considerazione. In molti sono stati contattati dai propri clienti e in tanti chiedono a loro chiarimenti sulla situazione delle Terme. Mentre le altre realtà termali calabresi si stanno già preparando ad affrontare la nuova stagione, qui tutto è fermo, immobile, forse in attesa di un miracolo. Alla beffa, dei continui tira e molla e delle varie passerelle, anche il danno dimmagine, verso chi vorrebbe scegliere la nostra regione e i nostri territori come meta turistica. Nuovamente come Movimento ci facciamo portavoce delle richieste ed esigenze di chi vive grazie all’indotto delle Terme, di chi aveva un lavoro e ora non l’ha più, di chi con sacrificio ha investito nella propria terra e da cui oggi si sente tradito. Siamo stanchi dei continui rinvii, dei padri e padroni che hanno alla fine solo creato il deserto e propio intorno ad una fonte naturale di acqua e salute. Vogliamo certezze e le chiediamo subito, perché non sia troppo tardi per salvare la stagione estiva ormai alle porte e questo grande patrimonio”.

Potrebbe piacerti anche